La nostra rete di collaborazione territoriale si è ulteriormente rafforzata per far fronte comune alle situazioni sociali più difficili e all’emergenza COVID-19.

I nostri enti-partner ci hanno segnalato casi (clicca qui) di grave disagio relativi a soggetti già vulnerabili, la cui situazione rischia di peggiorare ulteriormente a causa dell’emergenza COVID-19.

L’appello alla solidarietà del territorio vale più che mai: il motto “Insieme ce la faremo”, che sentiamo spesso in questo periodo e in cui crediamo profondamente anche noi,  per queste persone ha ancora più significato.

Teniamoci stretti attraverso la solidarietà: uniti ce la faremo tutti!

EMERGENZA COVID-19

Dal 1 Aprile sportello telefonico gratuito per sostegno psicologico

CLICCA QUI

 

“Adozioni a Km Zero” nasce da un’idea di Umberto, che aveva pensato a una piattaforma web che permettesse, in modo diretto e discreto, di effettuare donazioni a sostegno di persone in difficoltà, avviando al contempo un’attività imprenditoriale (lo studio fisioterapico EQUILIBRIUM) che desse la possibilità di reperire dei fondi per appoggiare progetti sociali.

L’idea, presentata nel 2015, è stata accolta con entusiasmo e condivisa da quattro organizzazioni del Piemonte, che avevano già in atto una collaborazione tra di loro: Ashar Gan Onlus (Canto di Speranza, di Pinerolo), COI (Cooperazione Odontoiatrica Internazionale, di Torino), Col’Or Piemonte (Camminiamo Oltre l’Orizzonte, di Orbassano) e OAF-I (Organizzazione di Aiuto Fraterno – Italia, di Torino).

Successivamente è stata poi Ashar Gan a proseguire con il proprio impegno in questo progetto, con la speranza di poter realizzare il sogno di Umberto: far funzionare efficacemente il servizio e quindi riuscire ad aiutare più persone possibili.

Attualmente Ashar Gan collabora con 5 Organizzazioni (Caritas Diocesana di Torino, Centro Ecumenico di Ascolto di Pinerolo, Comune di Buriasco, Comune di Cumiana, Associazione Pensieri in piazza di Pinerolo), ma rimane sempre possibile ampliare il partenariato e, dunque, il raggio di azione, nonché valutare la replicabilità del servizio in altre Regioni, tramite altre organizzazioni che vogliano svolgere il nostro stesso ruolo.

L’idea

L’idea è nata dalla crisi economica che ha colpito l’Italia in questi anni. Sempre più nuclei familiari hanno cominciato ad avere emergenze abitative. Questo ha portato realtà locali come comuni, CAF, centri d’ascolto, centri Caritas, parrocchie e altri centri di volontariato a cercare di raccogliere fondi da destinare a famiglie sul territorio. Famiglie che, in questi anni, hanno cominciato a fare la fila per avere un busta viveri o per chiedere il pagamento delle bollette e dell’affitto.

Ecco le linee guida vincolanti che ci hanno portato a creare questo progetto: non consegnare, fisicamente, denaro al richiedente per non creare assistenzialismo; assicurare il donatore dell’effettivo utilizzo del denaro come da lui desiderato; creare una piazza virtuale di sostegno.

Il progetto “Adozioni km0” è una forma di aiuto che si basa sulla prossimità che ci potrebbe essere tra donatore e richiedente.

Come funziona

Gli enti “specializzati” nell’accoglienza e valutazione di richieste di aiuto (es. Caritas, Centro di Ascolto ecc.), provvedono ad indicarci dei “casi di bisogno”, opportunamente privati dei dati sensibili nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di privacy, con tutte le specifiche: descrizione generale della situazione, tipo di necessità (es. affitto o rata mutuo o utenze o cure odontoiatriche), ammontare del contributo richiesto, tempo di permanenza on-line di ciascuna situazione, in base alle caratteristiche pratiche del caso stesso, ben note all’ente-partner in questione.

I donatori, dopo essersi registrati, possono quindi scegliere di dare il proprio contributo di qualsivoglia importo (tramite Paypal, Carta di Credito o Bonifico Bancario) a un caso specifico oppure in generale al progetto (l’Associazione provvederà a imputarlo al caso di maggiore necessità), o ancora al mantenimento del Servizio (per la copertura dei costi da sostenere).

Per evitare un utilizzo “sbagliato” del denaro donato, nessuna somma viene consegnata fisicamente al richiedente. Al contrario, si procede in due modi possibili, a seconda del quadro che si presenta:

in caso di copertura completa del fabbisogno, Ashar Gan effettua i pagamenti direttamente ai creditori dei beneficiari e trasmettere l’esito dell’operazione all’ente-partner;

in caso di copertura parziale del fabbisogno (disponibilità insufficiente), Ashar Gan invia le somme ricevute all’ente-partner in modo che questo possa, con le dovute integrazioni, coprire il fabbisogno, a meno che il creditore non accetti una transazione con riduzione del credito nella misura della somma resasi disponibile;

Dunque, lo ripetiamo, nessuna somma di denaro andrà ad alimentare pericolose dipendenze.

Ai donatori verrà poi inviato opportuno riscontro sulla loro donazione (che sarà deducibile/detraibile nella dichiarazione dei redditi). Naturalmente, da questa documentazione saranno occultati tutti i dati sensibili che potrebbero violare la privacy del richiedente.

Chiunque potrà donare anche una somma esigua tramite computer o smartphone; utilizzando la tecnologia diffusa dei nostri giorni si cerca un metodo vantaggioso e performante per far fronte a delle situazioni di difficoltà. Le persone che donano potranno avere prova della destinazione dei loro soldi e i richiedenti riceveranno aiuti dove realmente necessitano di essere aiutati.

E in più…

… Con l’impegno di Ashar Gan nella cooperazione locale, è stato possibile inserire in questo contesto, oltre alle collaborazioni citate, che riguardano un’attività più propriamente di “aiuto”, anche una sezione dedicata ai progetti veri e propri di cooperazione allo sviluppo locale.  In questo momento, per esempio, potete trovare in questa sezione il progetto in corso “Il Sostegno a Distanza per le Comunità Terremotate”.

Importante!

Ashar Gan ritiene molto importante promuovere un comportamento etico di impegno sociale invitando persone/famiglie aiutate grazie ad “Adozioni a Km Zero” a donare a loro volta un proprio contributo a favore del programma, nel momento in cui la loro situazione si sia risollevata e ne abbiamo la disponibilità, attivando e valorizzando in questo modo meccanismi virtuosi di solidarietà reciproca e vicinanza.

Se condividi le nostre idee e la nostra mission unisciti al nostro “Canto di Speranza” e dona il tuo contributo, grazie!!

Ashar Gan Onlus – “Canto di Speranza” per un Continente Unico Solidale

Fai conoscere chi ha bisogno di aiuto
  • 75
  •  
  •